Cerca nel cuore

CERCA NEL CUORE

… “Cerca nel cuore l’idea relativa della vita e rigettala. L’idea relativa della vita implica la parte egoistica della nostra natura, quella che fa sì che noi ci reputiamo migliori dei nostri fratelli e che ci separiamo dai nostri simili, perdendo ogni connessione con la vita intera. Tutto questo ha origine nella parte inferiore della nostra mente, che potremmo definire la nostra animalità raffinata… quella parte che abbiamo in comune con i bruti, sede delle nostre pulsioni, passioni, desideri ed emozioni tipici del piano inferiore


Tali cose non sono perverse di per sé, ma appartengono al piano più basso, quello animale, attraverso cui noi perveniamo a quello umano. Sono necessari sforzi eroici per liberarsene, dato che queste tendenze si sono formate in un arco di tempo lunghissimo e sono profondamente radicate nella nostra natura…

         Per tornare alle qualità relative della mente, possiamo dire che tutti i desideri animali, compresi i desideri sessuali sul piano fisico, tutte le passioni, come l’odio, l’invidia, la malignità, la gelosia, il desiderio di vendetta, la glorificazione di se stessi e l’autoesaltazione, fanno tutti parte dell’egoismo. L’orgoglio ne è la manifestazione tra le più sottili e pericolose”…

 

Fonte: Yogi Ramacharaka – La Luce sul sentiero – Il vero sapere.

© 2003 Ed. Venexia (pag. 45-46)

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Cerca nel cuore

  1. Rebecca ha detto:

    Tutto l\’Universo non è che la forma materializzata dello spirito creatore che si manifesta ovunque: nel mondo degli esseri umani, ma anche in quello animale, vegetale, minerale. In base a questo principio il dovere dell\’indiano è di vivere in armonia con tutto ciò che lo circonda. Mitakuye oyasin (tutti miei parenti) è l\’invocazione tuttora in uso nei riti lakota: l\’uomo non sta un gradino più su rispetto alle altre creature, ma insieme con esse fa parte del creato. Lasciateci sedere nella prateria libera,dove non si vedono recinti o strade. Non stendete coperte: il nostro corpo deve stare a contatto con la terra, con gli arbusti che si piegano al nostro contatto. Il nostro materasso sarà l\’erba: sentiremo la sua morbidezza e la sua asperità. Lasciateci essere come sassi, come fiori e piante. Lasciateci essere come animali, pensare e sentire come loro. (Cervo Zoppo, dei Sioux) …. credo la saggezza di Cervo Zoppo e una ottima risposta Pif ☀Rebecca

  2. Emozioni ha detto:

    Ci arriveremo. Dobbiamo solo avere un po\’ di pazienza.

Rispondi a Emozioni Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...